logo oiba

L'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bari si dota, da oggi, di un ufficio stampa che fornirà settimanalmente agli Organi di informazione gli aggiornamenti sulle attività, le decisioni e gli eventi.
Nel corso del 2015 l'Ordine rinnoverà la sua linea di comunicazione e il portale web per migliorarne l'efficienza e l'utilità per gli iscritti.
L'affidamento dei servizi è stato effettuato con delibera di consiglio del 16.12.2014

CONSIGLIO SUPERIORE DEI LAVORI PUBBLICI

Seduta del 14.11.2014

REVISIONE DELLE NTC 2008

DICHIARAZIONE DI VOTO ING. A. DOMENICO PERRINI

Il processo di revisione delle NTC 2008 ha avuto inizio concreto tra la fine del 2010 e l'inizio del 2011 con la nomina da parte del Presidente Karrer di una Commissione Redattrice composta da vari esperti individuati, come di norma previsto, direttamente dal CSLLPP.

Questa commissione operò in maniera innovativa rispetto al passato, con un confronto istituzionalizzato, di merito e nel merito, con i professionisti, i produttori ecc.

Per la prima volta le norme ebbero una gestione ed una gestazione partecipata; gli ingegneri, al pari di altri stakeholders, produssero osservazioni puntuali che furono discusse, condivise, accolte, respinte.

Il processo si concluse nel luglio 2012 con la trasmissione della nuova bozza di revisione delle norme alla Commissione Relatrice che il Presidente Karrer aveva nel frattempo nominato.

Tale commissione, di cui il CNI faceva parte, ha lavorato molto intensamente riunendosi con grande frequenza, consegnando, nell'ottobre 2012, all'Assemblea del CSLLPP un testo, approvato all'unanimità dalla commissione stessa, per l’esame di rito previsto nella riunione del novembre 2012.

L'Assemblea dopo ampia discussione ritenne necessario fare alcuni approfondimenti dando un tempo di 15 gg per far pervenire le eventuali osservazioni scaturite dal dibattito.

A valle di questa riunione il CSLLP, ritenne poi utile integrare la Commissione Relatrice con nuovi esperti e nuove competenze.

La commissione relatrice ha acquisito nuove competenze e ne ha perse molte altre, in corso d'opera, come dimostrano le presenze e, soprattutto, le assenze che hanno caratterizzato questa seconda fase dei lavori durante i quali si è proceduto ad una revisione sostanziale del testo Karrer del novembre 2012, nella direzione di una maggiore aderenza al testo del 2008.

Il risultato si concretizza nella proposta all'Assemblea del CSLLPP di un testo non condiviso dalla commissione nella sua interezza, con proposte alternative per alcuni punti importanti come quello relativo al capitolo 8 delle costruzioni esistenti.

Al di là del merito del singolo punto della norma oggi in approvazione, la realtà è quella di un processo che, dopo l'iter parlamentare e di concerto, posto a valle del del parere del CSLLPP, a 5 anni di distanza ci consegnerà una norma tecnica che non va nella direzione di una semplificazione dei metodi e dei processi, che non è armonica con la velocità dell'innovazione tecnica e tecnologica, che non contiene il necessario valore aggiunto all'integrazione reale con la normativa europea, che non facilita i controlli e non aumenta la sicurezza reale delle costruzioni.

Tutti gli attori del processo edilizio dovranno continuare a districarsi in una giungla di metodi, interpretazioni, tempi incerti e diversi sul territorio nazionale.

Ciò, oltre a creare situazioni critiche che sfuggono all'imprescindibile necessità di un linguaggio chiaro ed omogeneo in un settore così delicato, continua ad incidere negativamente nell'economia del sistema delle costruzioni.

I professionisti ogni si assumono la piena responsabilità dei propri atti; l'investimento su di loro, in un quadro organico di rispetto dei ruoli di tutti gli attori, deve sempre più caratterizzare una società dinamica e realmente orientata verso l'interesse generale.

Il tema degli edifici esistenti, poi, è centrale nell'economia delle costruzioni in Italia.

La sicurezza di un territorio si misura sulla diffusione nel maggior numero di edifici di un livello anche minimo di prestazione strutturale di sismoresistenza e non su poche eccellenze che spesso drenano ingenti risorse economiche pubbliche.

Il miglioramento sismico deve divenire il cuore della cultura dell'intervento sul l'esistente traducendo in prassi normativa ciò che poi, di fatto, il legislatore ha dovuto inserire come norma in occasione delle ultime emergenze.

I professionisti non chiedono nè "sconti" normativi ne', tanto meno, un abbassamento dei livelli di sicurezza; chiedono con forza che le norme traguardino una sicurezza reale, diffusa e che si ponga fine a quella incredibile esposizione a profili di responsabilità penale favorita dall'attuale assetto normativo.

Sempre in tema di edifici esistenti, auspichiamo quell'attenzione alla criticità dell'intervento nei condomini che abbiamo in tutte le sedi richiamato; qui, l'introduzione di un progetto guida generale, concretizzabile attraverso una serie di interventi parziali diluiti nel tempo, si impone come discrimine tra una reale possibilità di salvaguardia del patrimonio e la certezza di un degrado strutturale destinato solo a progredire ed a riempire le pagine nere del dopo sisma.

Siamo consapevoli che si tratti di argomenti propri di una revisione generale del DPR 380/2001, ma riteniamo che un richiamo dell'Assemblea del CSLLPP a questi temi, nella relazione generale e nel dispositivo di approvazione della revisione delle NTC, darebbe al Parlamento un ulteriore ed autorevole spunto per quelle riforme di processo che sono ormai irrinunciabili per questo paese.

Sul tema dei materiali innovativi, la riproposizione di complessi ed articolati metodi di accettazione e qualificazione, è incoerente e stridente tanto con le istanze di semplificazione che, sempre con più forza, vengono dal paese, quanto, soprattutto, con la dinamicità e la velocità dei processi industriali, dell'innovazione tecnologica, della risorsa scientifica.

​Oltre 4 anni di lavoro di due commissioni di esperti consegnano un testo che disattende le aspettative dei professionisti ma anche, riteniamo, di tutta filiera delle costruzioni.

Un tempo così lungo sarebbe giustificato solo se si fosse raggiunto lo scopo di una vera innovazione normativa nei contenuti, nel linguaggio, nella chiarezza, nella semplificazione.

Lo snellimento delle procedure, la loro armonizzazione sul territorio nazionale, il ricorso ai professionisti, nel quadro del Principio di Sussidiarietà, in sostituzione della PA per ridurre i tempi dei procedimenti amministrativi, rappresentano una esigenza irrinunciabile.

Da qui la nostra considerazione della assoluta necessità di rivedere completamente, nel processo di redazione e/o revisione della norma tecnica, il "come" ed il "chi" .

La lettura dei metodi e dei percorsi che hanno contraddistinto questi lunghi anni del processo di revisione normativa dimostrano infatti, con assoluta oggettiva evidenza, che quel metodo non è più in grado di supportare le reali esigenze della società e degli attori del processo edilizio.

È ormai il tempo di lasciare allo Stato solo l'emanazione di poche e chiare norme, strettamente cogenti, che riguardano i fondamenti ed i pilastri della garanzia della sicurezza della costruzione, lasciando alla normazione volontaria, non cogente, tutti gli aspetti operativi e di dettaglio tanto del processo progettuale che di quello costruttivo.

Questa è la sola vera integrazione con le norme europee che, appunto, nascono in una diversa cultura della "cogenza" molto più affidata alla forza dei capitolati e dei contratti che non a quella dei giudici.

È necessario mirare diritti alla riforma del DPR 380/2001; le nostre proposte già da tempo sono state consegnate e attendono il momento di una corretta discussione di merito.

L'urgenza di un cambio di marcia e di rotta non può più tardare; chi non vi aderirà dovrà assumersi la responsabilità di costituire un freno allo sviluppo economico e, soprattutto, alla diffusione di un concetto di sicurezza che passi dalla virtualità di processi amministrativi alla concretezza degli interventi.

Comunque,

– considerata la improponibilità di rinviare ulteriormente l'espressione del parere da parte di questa assemblea,

– atteso che addirittura risibile sarebbe la proposizione di una terza commissione relatrice,

– tenuto conto che le nuove norme eliminano alcuni errori materiali e refusi contenuti nelle norme del 2008,

– valutato che la soluzione A, rende meno gravosi gli interventi di adeguamento sui fabbricati esistenti, rispetto alle norme del 2008, confermate in toto dalla soluzione B,

esprimo parere favorevole alla approvazione delle NTC, nella versione indicata come testo A, ritenendo tali norme un piccolo passo avanti verso il recepimento degli eurocodici.

 

Ing. A. Domenico Perrini

Presso l'Auditorium dell'INAIL a Roma, si è svolta la Seconda giornata nazionale delle sicurezza, momento di confronto e scambio di conoscenze sul ruolo strategico dell'ingegneria in materia di sicurezza.
Il presidente dell'INAIl prof. Massimo De Felice ed il presidente del CNI ing. Armando Zambrano, hanno sottoscritto l'ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE FRA INAIL E CNI" .
Il presidente CNI Zambrano ha espresso grande soddisfazione per la riuscita dell'iniziativa, cui hanno aderito tantissimi colleghi, il che dimostra l'attenzione che la categoria riserva ai temi della sicurezza- L'accordo di collaborazione con INAIL consentirà di avviare ulteriori importanti iniziative a tutela dei cittadini.
Per delega del consiglio dell'Ordine di Bari, al convegno ha partecipato il consigliere Nicola Ladisa, coordinatore della Commisione sicurezza, protezione civile ed emergenze", intervenendo al dibattito tenutosi nel pomeriggio.

Foto firma accordo

Si comunica che quest’Ordine effettuerà la rilevazione delle presenze dei partecipanti all’ingresso ed all’uscita agli eventi formativi organizzati, tramite lettura automatica del Codice Fiscale e/o Tessera Sanitaria.

 

Si invitano quindi gli iscritti ad essere muniti degli indicati documenti al fine di consentire l’attribuzione dei Crediti Formativi.

PEC E FIRMA DIGITALE

Accedi al pannello per gestire la tua casella PEC.

 


CERCO OFFRO LAVORO

Area  dedicata alle opportunità di lavoro.

CANALE VIDEO

Area  dedicata ai contenuti multimediali, eventi, seminari e molto altro

RIUNIONI DEL
CONSIGLIO

Area dedicata alle riunioni delle Commissioni e relativi atti e documenti